I fari puntati su: OTTODIX

OTTODIX

Ottodix è lo pseudonimo del progetto solista di Alessandro Zannier, crocevia tra synth pop d'ispirazione wave elettronica e musica d'autore in italiano. L'immaginario si collega a Goldfrapp, Bjork, Massive attack, Depeche Mode e Garbo. L'album "Le Notti Di OZ" è frutto di due ispirazioni - una teatrale e una pop - unite tra loro quasi per magia. Da una parte il presente iper-tecnologico, fatto di rapporti interpersonali sempre più virtuali, di mode, costumi, amori ed oggetti che si consumano e si dimenticano a ritmi vertiginosi; dall'altro il mondo delle fiabe, le atmosfere dei film di Tim Burton, del teatro, del cinema muto primi '900, che in film come Metropolis descrivevano già allora le ansie e gli entusiasmi dell'era industriale così come noi oggi viviamo le ansie e gli entusiasmi dell'era elettronica. 
"Le Notti Di OZ" contiene 13 brani, oltre a due tracce riproposte in coda al cd come "bonus tracks", con la partecipazione di ospiti d'eccezione; Madaski (Africa Unite) e Georgeanne Kalweit (Delta-V). Altre versioni con Garbo, Luca Urbani (Soerba), Flavio Ferri (DeltaV), Eugene, saranno pubblicate a parte successivamente. Il singolo estratto, "I-Man", è un sarcastico affresco dell'uomo "hi-tech" odierno, super accessoriato e con poca personalità.

il video di "Joker" su Youtube

Il video di "I man" su Youtube

0 commenti: